L’ego non è reale ~ Sailor Bob Adamson

Con il senso di separazione arrivano insicurezza e vulnerabilità. Questo è quando la nostra ricerca ha inizio, perché l’insicurezza e la vulnerabilità non sono la felicità. Non sono completezza. Non sono totalità. La ricerca inizia per cercare di renderci interi o completi o più sicuri e meno vulnerabili. E naturalmente, poiché i nostri genitori non hanno guardato o capito, la nostra società e le nazioni non hanno guardato o capito, la ricerca comincia “là fuori”. Nessuno dice mai a lui “guarda indietro” o “resta con quell’essenza che sei, quello stato naturale che eri e sei, prima che quelle nuvole di pensiero cominciassero a formarsi”.

Vedete che tutti i nostri problemi nascono da quell’insicurezza e quella vulnerabilità. Il bambino, prima di vedere la sua separazione o rendersi conto di essere separato o credere di essere separato, non sentiva quell’insicurezza e quella vulnerabilità. Ora le sente e vuole un ambiente caldo, familiare amorevole intorno a lui. Si sente più sicuro e meno vulnerabile se ha avuto una famiglia accogliente e amorevole. E ai vecchi tempi le famiglie avrebbero formato tribù. Più grande e forte è la mia tribù, più sicuro, meno vulnerabile io sono. Oggi le nazioni vanno in guerra con le nazioni puramente e semplicemente a causa di tale insicurezza, timorosi che la nazione della porta accanto mi prenderà, mi porterà via la mia ricchezza o qualsiasi altra cosa. O “Io li prendo prima perché sono insicuro e vulnerabile e mi rendo più forte prendendoli prima”. Questo è tutto basato su quell’egocentrismo.

Ma non esiste un centro di sé. Il centro di sé, o ego è la causa di tutti i nostri problemi ed è una finzione. Il bambino aggiunge allo «io» pensato tutti gli eventi, le esperienze e il condizionamento, che sono concetti mentali, e forma un’immagine di sé sulla base di tali concetti. Lui pensa “io sono il piccolo Johnny, e sono stato un bravo ragazzo o un cattivo ragazzo, o qualcuno ha detto qualcosa a me e provo vergogna o colpa o paura o qualsiasi altra cosa”. Tutti questi concetti sembrano essersi concretizzati.

Essi sembrano diventare reali e diventano un punto (il “me” o ego) di riferimento, a cui tutto è relativo. Qualcosa colpisce quel punto di riferimento, quell’immagine che ha di se stesso, e non si adatta a quell’immagine, non gli piace. Se qualcos’altro colpisce l’immagine e vi si adatta, gli piace e ne vuole di più. Resiste alla cosa che non gli è piaciuta vuole allontanarsene, e così è in conflitto. Tutti i nostri problemi derivano da questa credenza nel centro di sé. Tutto ciò che è relativo a quell’immagine fittizia siamo giunti a credere che sia reale.

L’energia della fede è andata in essa e l’ha resa apparentemente reale e forte attraverso quella credenza abituale. Ma non è vera e non ha alcun potere, quindi non ha forza. Consideratelo e vedete che non c’è posto in questo corpo di cui possa dire «questo sono io». Vedete che questa immagine che ho avuto di me non ha sostanza. Non è niente di solido, anche se è apparentemente concretizzata. Non puoi mai trattenerla. Cercate di trattenere un pensiero! E soprattutto, e questo è molto importante, non ha natura indipendente.

Quel pensiero o immagine non potrebbe nemmeno essere lì se non fosse per quella intelligenza-energia o la presenza della consapevolezza. Noi la chiamiamo intelligenza-energia, consapevolezza, coscienza o spirito. Questa è l’etichetta che abbiamo messo su di essa. Ma l’etichetta non è essa. Abbiamo molti nomi o etichette diverse per essa, ma nessuna di loro è davvero adatta. Non si può avere un solo pensiero, senza quell’intelligenza funzionante. Quindi il pensiero non è indipendente e non ha alcun potere di per sé.

Sailor Bob Adamson 3

Sailor Bob Adamson

 

Ai sensi della legge D. Lgs 196/2003 e s.m (meglio noto come "Codice in materia di protezione dei dati personali"); autorizzo al trattamento dei miei dati personali contenuti nel presente form.

Acconsento

2 pensieri su “L’ego non è reale ~ Sailor Bob Adamson”

  1. Secondo da cosa leggo nel vs. sito, la meditazione è una pratica inutile essendo l’essere già presente quindi senza bisogna di cercarlo, ma se tutte le filosofie e religioni presuppongono che per conoscere Dio bisogna trovrarlo e cercarlo dentro di noi, oltre la mente, per es. la famosa pratica del neti-neti, lascia tutto, abbndona il pensiero ecc…..Allora, non basta considerare che siamo tutt’uno senza ricerca?

    1. Il considerare è un considerare, non ha niente a che vedere con la fine della separazione. Ogni pratica viene fatta da qualcuno, e come può una pratica funzionare se non c’è nessuno da svegliare? Come può un’illusione smantellare sé stessa?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *