La trappola della consapevolezza – Andreas Muller

Sebbene alcune persone insegnino la consapevolezza come una via verso la libertà, non ha assolutamente alcuna connessione con la liberazione. La consapevolezza può apparire oppure no, ma esperita come realtà, rimane nella storia del me. La consapevolezza usata come un metodo, può essere sentita molto neutrale e quindi in un certo modo piacevole. Eppure è il ‘me’ che cerca di mantenere l’illusione del controllo non essendo ‘ciò che è’, ma solo essendo consapevole di ‘ciò che è’.

La neutralità che viene sentita può sembrare piacevole per qualche tempo, perché raffredda l’intensità della vita. Inoltre, questa neutralità spesso viene confusa con l’illuminazione o la liberazione, che da all’apparente ricercatore la sensazione che sta procedendo bene.

Tutto questo è un gioco all’interno della storia della separazione. La liberazione è il collasso del ‘me’ e di ‘ciò che sembra essere separato’. Ciò che rimane è la totalità, che è vitalità totale, che è nessuna cosa.

Gli insegnamenti e le terapie parlano alla persona offrendo la liberazione nel futuro, dato che l’attuale viene percepito come ‘non esserlo’. Apparentemente questi insegnamenti mantengono il ricercatore incastrato nella sua storia del tempo e del percorso verso qualcos’altro. Nutrono l’idea di essere una persona così come il gioco di speranza e disperazione, mentre l’apparente ‘me’ si focalizza sul suo futuro obiettivo.

Questo messaggio non offre alcun percorso o metodo, perché non ci sono cose del genere. Tutto quello che c’è, è ciò che è. Non esiste nient’altro. Ciò che è è già completo, intero. L’idea che ci sia un qualcuno che può raggiungere ciò che è è assurdo, perché altrimenti ci sarebbe un altro ciò che è.

Questo messaggio viene dalla percezione della separazione come illusoria. ‘Dopo’ esiste solamente nella storia del me, dove il tempo viene sperimentato come reale. Ancora: tutto ciò che c’è, è ciò che è. E’ intero e completo. E’ la vitalità, la totalità che viene cercata. Nulla che appare come questo.

Andreas Muller

Andreas Muller

Ai sensi della legge D. Lgs 196/2003 e s.m (meglio noto come "Codice in materia di protezione dei dati personali"); autorizzo al trattamento dei miei dati personali contenuti nel presente form.

Acconsento

2 pensieri su “La trappola della consapevolezza – Andreas Muller”

  1. Un punto importante dell’articolo, come l’idea fondamentale di questo sito, mi pare venga descritto dalle parole: “Tutto quello che c’è, è ciò che è. Non esiste nient’altro.” Se ho capito bene, con “quello che c’è” si intendono le percezioni, come una mela rossa, un suono, la gioia, un pensierio ecc. Inoltre si intendono le percezioni all’istante attuale; se ho solo la percezione di una mela sul tavolo, “tutto quello che c’è” è l’immagine della mela e del tavolo. Dunque l’immagine della mela e del tavolo è tutto “ciò che è”. “Non esiste nient’altro”. Tuttavia l’immagine cambia (qualcuno direbbe che ho spostato lo sguardo) e la mia percezione è l’immagine di un tappeto. Tutto ciò che c’è e che è è un tappeto. L’immagine cambia ancora (risposto indietro lo sguardo) e ricompare la stessa immagine iniziale.

    Ma se al primo momento esisteva solo l’immagine della mela e del tavolo, cosa l’ha fatta cambiare? Se non c’era nient’altro non ci sarebbe dovuta neanche essere una causa per il cambiamento dell’immagine.

    Inoltre: se non c’era nient’altro, cosa ha determinato la ricomparsa della stessa immagine della mela e del tavolo? Se quando guardo il tappeto, solo l’immagine del tappeto è, nulla dovrebbe conservare l’immagine della mela e del tavolo, visto che l’immagine del tappeto non la contiene.

    1. Se ho ben capito… “noi” non ci muoviamo veramente…. neanche facciamo vere esperienze “dinamiche”…….. perchè non esistiamo veramente…….. sono i pensieri che danno origine alla storia e fanno credere di aver avuto delle esperienze, creano personaggi e oggetti dandogli una forma….. Perché tutto è energia… e questo è un sogno! NOI SIAMO TUTTO E NIENTE :-))

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *