Totale assenza di sforzo ~ Karl Renz

Domanda: Conosci la paura?
Karl: Il corpo conosce la paura.

Domanda: Quale corpo?
Karl: Qui, questo meccanismo corpo-mente. Se questo qua dovesse buttarsi da una torre di dieci metri, non lo farebbe poiché avrebbe paura. Cosa c’è di male in questo? La paura non è nulla di sbagliato. Chi ha paura della paura e chi ne ha bisogno? La paura è un esperienza all’interno dell’Essere.

Il neonato non ha alcun problema con lo strillare. Non ha neanche problemi con l’avere freddo, o fame, o l’essere spaventato. Ci vogliono anni per convincerlo che c’è un problema con questo o con quello. Deve prima di tutto imparare che qualcosa deve essere evitato e qualcosa altro desiderato. Quando impara questo, allora ha un problema. Ciononostante ciò che egli è mai cambia. Ciò non ha mai – tu non hai mai – un problema con il fatto di avere un problema. Questo è lo scherzo nella sua interezza.

Fino a l’età di tre anni, non c’è ancora la nozione di “mio corpo”, “mio giocattolo”. E’ solo una cosa che ti hanno raccontato. E’ un informazione di seconda mano alla quale un bel giorno hai iniziato a credere.

Domanda: Hai semplicemente buttato via tutte le tue credenze fuori dalla finestra?
Karl: Si puf ! Una bolla di sapone è scoppiata !

Domanda: E’ stata una bella sensazione?
Karl: No, ne bella ne brutta. Tu semplicemente sei. Non ti è mai successo nulla. Ciò di cui parlo è il più sottile dei “Aha!” che si accorge che non è mai accaduto nulla. Tutto qua.
Essere è una totale assenza di sforzi. Per essere, nulla deve venire. Per essere, non devo neanche conoscere qualcosa. Non devo neanche essere consapevole di me stesso per esser ciò che sono. E’ realmente naturale. La naturalezza stessa. E’ anteriore all’idea stessa di natura.
E’ la pace che non può essere turbata da nulla.

karl renz 2

Ai sensi della legge D. Lgs 196/2003 e s.m (meglio noto come "Codice in materia di protezione dei dati personali"); autorizzo al trattamento dei miei dati personali contenuti nel presente form.

Acconsento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *